Facebook Twitter Youtube Blog Feed
Caduta di capelli
Aree tematiche
Associazioni
Credits
Collaborazioni
Shop On-line
I migliori prodotti per la caduta di capelli e calvizie: prezzi scontati
I migliori prodotti scelti
per il tuo trattamento
personalizzato:

Community
Benvenuto [registrati]
utenti collegati
a Calvizie.net » 35
Forum di discussione
Newsletter
Inserisci qui la tua e-mail per essere informato sulle novità
Trova l'Esperto
Trova l'esperto in problemi di caduta di capelli e calvizie
Trova il miglior esperto
specializzato in calvizie
più vicino a casa tua
clicca qui per entrare
Area Professionisti
Scopri le iniziative organizzate da Calvizie.net e dedicate ai professionisti del settore
Scopri le iniziative
dedicate agli operatori
del settore
Servizi e utilità
» »

Ma i capelli possono ricrescere davvero?

Data di pubblicazione o revisione:
Visto: 938 volte
Ma i capelli possono ricrescere davvero?

I capelli riscrescono?
SI', I CAPELLI RICRESCONO!!
E' possibile assistere a ricrescita parziale o totale di un capello, purché il follicolo non sia completamente atrofizzato e quindi incapace di "esprimere" un capello; solitamente però un follicolo è completamente morto solo dopo molti anni che si è cominciata a manifestare la calvizie, pertanto, appoggiandosi su diverse terapie, è possibile arrestare e invertire il processo di miniaturizzazione e ricondurre il follicolo pilifero alla produzione di un capello completamente sano, cioè un capello terminale, grosso e pigmentato.

I principali trattamenti anti-calvizie attualmentedisponibili agiscono tramite l'inibizione dell'enzima 5alfa-riduttasi (5aR) evitando che il testosterone si leghi ad esso per formare il DHT nocivo al follicolo pilifero, oppure bloccando i recettori degli androgeni.

In questo modo si può assistere ad un arresto del ciclo di miniaturizzazione del follicolo ed ad una inversione dello stesso, con un inspessimento dei capelli ed un aumento di colorazione.

Prima si interviene sul processo di miniaturizzazione del follicolo, maggiori saranno le possibilità di successo della terapia.
Ricordiamoci infatti che chi è affetto da calvizie ha sì un problema di caduta di capelli, ma per essere più precisi il vero problema è che i capelli caduti vengono sostituiti (al nuovo ciclo di crescita) da capelli meno robusti e pigmentati che danno l'impressione di avere meno capelli in testa!

ATTENZIONE: infatti chi è colpito da diradamento non ha meno capelli di quando ha cominciato a perderli!
semplicemente i capelli sono ora più sottili, meno pigmentati (colorati) e crescono più lentamente così da dare l'impressione di essersi ridotti in numero.

Come stabilire se un follicolo non è completamente atrofizzato?
Un follicolo non è completamente atrofizzato fintanto che continua a generare un capello, sia esso sano (capello terminale)o quasi completamente invisibile; è questo il caso del capello VELLUS, quel capello molto piccolo, quasi trasparente e lungo pochi centimetri o millimetri simile al capello del neonato.
Guardando con attenzione una persona quasi completamente calva, infatti, sarà possibile notare comunque alcuni piccolissimi capelli vellus, che, malgrado non diano alcun contributo estetico, sono però la prova che l'attività di quei follicoli non è cessata.

Cosa fare?
Sotto l'azione di un trattamento misto, si può spesso arrestare e invertire il processo di miniaturizzazione del follicolo, stimolare il follicolo a produrre ad ogni ciclo un capello un po' più robusto e pigmentato si può riescire a ritornare ad avere un capello terminale (cioè completamente sano);
ma ci vuole molta pazienza, costanza e determinazione.

La calvizie non è una scienza esatta, non è possibile cioè stabilre delle cause universalmente valide per ogni soggetto.
Per questo motivo, una terapia volta a colpire la calvizie sotto il maggior numero possibile di angolazioni terapeutiche porterà ad una percentuale più alta di successo.

In conclusione, intervenendo al contempo:
1) sull'inibizione dell'enzima 5alfa-reduttasi (con agenti Anti-dht)
2) sulla stimolazione della crescita (con stimolatori della fase anagen del capello)
3) sulla riduzione dell'infiammazione al cuoio capelluto e ai follicoli (con prodotti anti-infiammatori)
4) sulla stimolazione della vascolarizzazione dei tessuti (con agenti specifici)

5) sulla stimolazione del metabolismo cellulare con terapia a luce fredda (laser LLT)
si avrà la certezza di aver intrapreso una terapia ad ampio-spettro, a tutto vantaggio del possibile successo nella nostra lotta a questa "malattia".



Riproduzione autorizzata purchè sia citata la fonte: www.calvizie.net
Richiedi approfondimenti su questo argomento/documento
Nome
Cognome
E-mail
Telefono
Indirizzo
Comune
Provincia
CAP
Messaggio
Inserisci il codice: ydASqn0
Informativa ai sensi della legge 196/2003: in conformità alle disposizioni previste dalla legge 196/2003 sulla tutela dei dati personali, il gestore di questo sito la informa che i dati personali che Lei vorrà liberamente comunicarci compilando il form verranno registrati su supporti elettronici protetti e trattati in via del tutto riservata.



Calvizie.net - copyright 2001-2015 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata